MEDICINA RIGENERATIVA - Studio dentistico Rossini
MEDICINA RIGENERATIVA - Studio dentistico Rossini
15992
page,page-id-15992,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
 

MEDICINA RIGENERATIVA

NUOVE TECNICHE DI RIGENERAZIONE OSSEA: PRP

L’acronimo PRP sta a significare Plasma Ricco di Piastrine. Il PRP è quindi un concentrato di Piastrine, che si ricava dalla centrifugazione di una piccola quantità del proprio sangue. Le piastrine sono piccole cellule che intervengono nelle prime fasi di  guarigione di ferite o fratture. Il loro intervento è importante perché sono ricche di fattori di crescita che vanno a stimolare la rigenerazione cellulare tissutale.

Diverse sono le metodiche di preparazione del PRP; il nostro Ambulatorio applica il protocollo dell’Harvard School of Dental Medicine di Boston.

Per poter utilizzare il PRP all’interno di uno Studio Dentistico è necessario avere l’Autorizzazione rilasciata dalla propia USL. Il nostro Ambulatorio è autorizzato dal 2015 e ciò garantisce sicurezza e professionalità.

All’interno del nostro Ambulatorio il PRP non viene utilizzato solo nella Chirurgia Odontoiatrica per la stimolazione alla rigenerazione dell’osso, ma anche in Ortopedia grazie al nostro consulente Ortopedico, il Dott. Trevisan

prp
ortopedia1

ORTOPEDIA

L’attività sportiva ad alto livello sia in campo agonistico che amatoriale provoca la degenerazione dei tessuti sia articolari, come i danni alla cartilagine, sia tendinee come possono essere epicondiliti, epitrocleiti e tendiniti del tendine tibiale anteriore, del tendine di achille.

Fino a pochi anni fa queste patologie venivano trattate in modo palliativo, ora è possibile curarle.

L’ortopedia della rigenerazione tissutale può avvalersi sia di fattori di crescita liberati da cellule dello stesso paziente come le piastrine (PRP) sia di cellule in grado di riparare il danno come le cellule mesenchimali.

Le linee guida internazionali hanno indicato le PRP da utilizzare nelle rigenerazioni tendine e nelle lesioni cartilagine iniziali (stadio I) , mentre ha indicato le cellule mesenchimali nella rigenerazioni in lesioni cartilaginee avanzate e nelle prime forme di artrosi.

Nel nostro studio utilizziamo le PRP per tutte le forme di tendiniti: tendiniti della cuffia dei rotatori in fase iniziale, del tendine d’ achille, epicondiliti, epitrocleiti e le forme di lesioni cartilaginea in fase iniziale.

La procedura per le PRP avviene con il prelievo di sangue dal paziente dai 5 ai 20 cc a seconda del danno da riparare. Il sangue subisce dei passaggi di centrifugazione in modo da ottenere le piastrine che verranno dopo circa 15 minuti iniettate attivate nella sede di lesione.

Il paziente potrebbe avvertire nei giorni seguenti alla procedura un indolenzimento della zona iniettata.

Contattaci

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero (richiesto)

Il tuo messaggio

"Dichiaro di aver letto l'informativa di cui all'articolo 13 del D. Lgs 196/2003"

I dati personali richiesti nel Contact Form possono essere utilizzati unicamente per rispondere alla richiesta specifica da me inviata

contatta-lo-studio-dentistico